Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Parere del Garante sulle modifiche alla deliberazione dell'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici n. 111 del 20 dicembre 2012, attuativa dell'art. 6-bis del d.lg. 12 aprile 2006, n. 163 - 1 agosto 2013 [2576925]

[doc. web n. 2576925]

Parere del Garante sulle modifiche alla deliberazione dell´Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici n. 111 del 20 dicembre 2012, attuativa dell´art. 6-bis del d.lg. 12 aprile 2006, n. 163 - 1 agosto 2013

Registro dei provvedimenti
n. 377 del 1° agosto 2013

IL GARANTE PER LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI

IN data odierna, in presenza del dott. Antonello Soro, presidente, della dott.ssa Augusta Iannini, vicepresidente, del dott.ssa Giovanna Bianchi Clerici, della prof.ssa Licia Califano, componenti, e del dott. Giuseppe Busia, segretario generale;

VISTO il decreto legislativo 30 giugno 2003, n. 196, Codice in materia di protezione dei dati personali (di seguito Codice);

VISTA la deliberazione dell´Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici (di seguito AVCP) n. 111 del 20 dicembre 2012 attuativa dell´art. 6-bis del d.lg. 12 aprile 2006, n. 163 (Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture), in base al quale, dal 1° gennaio 2013, le stazioni appaltanti e gli enti aggiudicatori devono verificare il possesso dei requisiti di carattere generale, tecnico-organizzativo ed economico-finanziario per la partecipazione alle procedure disciplinate dal citato Codice dei contratti pubblici esclusivamente tramite la Banca dati nazionale dei contratti pubblici (BDNCP), istituita presso l´AVCP medesima;

VISTO il parere del 19 dicembre 2012 con il quale il Garante si è espresso favorevolmente sulla predetta deliberazione, a condizione che venga esplicitato il tempo di conservazione dei dati relativi agli accessi e alle operazioni compiute nel sistema;

VISTA la richiesta di parere dell´AVCP del 26 giugno 2013 (prot. N. 0059306) con la quale sono prospettate alcune modifiche da apportare alla predetta deliberazione n. 111; più precisamente, il nuovo testo sottoposto all´esame, tenuto conto delle difficoltà di natura prevalentemente organizzativa manifestate dalle stazioni appaltanti circa l´adozione della PEC personale per i differenti soggetti abilitati alla verifica dei requisiti, presenta le seguenti modifiche:

1) viene inserito un esplicito riferimento alla CEC-PAC (Comunicazione Elettronica Certificata – Pubblica Amministrazione Cittadino) come strumento utilizzabile dai soggetti di cui sopra (cfr. art. 3, comma 2-bis);

2) in via transitoria, sino al 31 dicembre 2013, data in cui termina il regime facoltativo di utilizzo del sistema AVCpass, si consente di utilizzare caselle di posta ordinaria opportunamente configurate e con specifiche cautele di gestione al posto della PEC personale (cfr. art. 9, comma 4).

VISTO che, riguardo al sopracitato punto 2), l´AVCP ha altresì precisato che al fine di ottenere certezza della comunicazione, contestualmente ad ogni trasmissione effettuata su posta elettronica ordinaria in luogo della PEC, destinata ai soggetti della stazione appaltante, i sistemi dell´Autorità provvederanno all´invio automatico di una notifica – tramite PEC – di avvenuta trasmissione alla stazione appaltante;

RITENUTO che tali modifiche, volte a consentire l´utilizzo di canali diversi dalla PEC personale per i differenti soggetti abilitati alla verifica dei requisiti, siano finalizzate ad agevolare le stazioni appaltanti negli adempimenti nel rispetto del Codice;

CONSIDERATO, in particolare, che l´impiego delle caselle di posta ordinaria, opportunamente configurate e con specifiche cautele di gestione, è ammesso unicamente per un periodo transitorio stabilito fino al 31 dicembre 2013, data in cui termina il regime facoltativo di utilizzo del sistema AVCpass;

VISTA la nota dell´AVCP del 18 luglio 2013 con la quale è stata trasmessa una nuova versione della deliberazione n. 111 che, valutato quanto prescritto dal Garante nel citato parere del 19 dicembre 2012, stabilisce il termine di sei mesi per la conservazione dei dati relativi agli accessi e alle operazioni compiute sul sistema AVCpass;

VISTA la documentazioni in atti;

VISTE le osservazioni dell´Ufficio formulate dal segretario generale ai sensi dell´art. 15 del regolamento del Garante n. 1/2000;

Relatore il dott. Antonello Soro;

IL GARANTE

esprime parere favorevole sulle prospettate modifiche alla deliberazione dell´Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici n. 111 del 20 dicembre 2012, attuativa dell´art. 6-bis del d.lg. 12 aprile 2006, n. 163.

Roma, 1 agosto 2013

IL PRESIDENTE
Soro

IL RELATORE
Soro

IL SEGRETARIO GENERALE
Busia