Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Comuni e provincie

"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività" - Collana Contributi

"Massimario 2002" - Collana Contributi

"Massimario 2003" - Collana Contributi

Massime tratte dai volumi:
"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività"
 | "Massimario 2002" |
"Massimario 2003"
di Fabrizia Garri*, Luigi Pecora, Giuseppe Staglianò
cura editoriale di Maurizio Leante
* co-autore volumi 2002 e 2003

La pubblicazione parziale o integrale delle massime, in qualsiasi formato, è autorizzata a condizione che venga citata la fonte in maniera evidente e contestuale

| Indice generale 1997 - 2003 |


PRESUPPOSTI E MODALITÀ DEL TRATTAMENTO > Titolare, responsabile, incaricato > Casi particolari > Comuni e provincie

Nell´ipotesi in cui un comune, ai fini dell´accertamento e della liquidazione dei tributi locali, ritenga di instaurare un rapporto di consulenza con un consorzio privato in cui favore, per il corretto espletamento dell´incarico, debbano essere posti a disposizione numerosi archivi cartacei ed informatici detenuti dall´autorità comunale, detta relazione può essere utilmente inquadrata come rapporto tra titolare e responsabile del trattamento; la designazione, ai sensi dell´art. 8 della legge n. 675/1996, deve avvenire con atto scritto, nel rispetto dei requisiti di esperienza, capacità ed affidabilità, e deve essere accompagnata da precise istruzioni da parte del titolare, finalizzate al miglior svolgimento dei compiti affidati al responsabile, che, nell´esercizio di tali incombenze, è autorizzato ad accedere ai soli dati concretamente pertinenti ed indispensabili. Ove detta nomina non venga effettuata, il consorzio viene a porsi come autonomo "titolare" del trattamento, con conseguente applicazione della disciplina prevista dall´art. 27, comma 3 della legge n. 675/1996 in tema di comunicazione dei dati da un soggetto pubblico ad un soggetto privato.

  • Garante 29 maggio 1998, in Bollettino n. 4, pag. 64 [doc. web n.  39176]


Allorché l´attività di controllo sulla manutenzione e l´esercizio degli impianti termici, ai sensi dell´art. 19 del d.P.R. n. 412/1993, venga espletata dalla provincia, sulla base della preventiva stipula di una convenzione, mediante la preposizione di soggetti terzi, si rende necessaria una formale designazione del responsabile e degli incaricati del trattamento (artt. 8 e 19 della legge n. 675/1996); in tal caso, relativamente al rapporto provincia - soggetto preposto al controllo, la comunicazione al Garante di cui all´art. 27, comma 2 della legge n. 675/1996 diviene superflua. Al contrario, detta comunicazione, del tutto distinta dalla notificazione ex art. 7 della legge, dev´essere effettuata nel caso in cui non sussista alcuna norma di legge o di regolamento che preveda l´acquisizione, da parte della provincia, dei dati detenuti da altra amministrazione pubblica.

  • Garante 14 gennaio 1999, in Bollettino n. 7, pag. 53 [doc. web n.  42118]


È legittima la temporanea conservazione, da parte del competente servizio sociale di un comune, dei dati relativi all´avvenuto allontanamento di minori dalla residenza familiare ed al loro affidamento a strutture del comune quando sussistano giustificate finalità e siano state adottate misure atte alla protezione delle informazioni stesse (nella specie i dati conservati dal Settore servizi alla famiglia del comune erano finalizzati al recupero del contributo di mantenimento in comunità dovuto per legge dai genitori. I dati detenuti presso il Settore servizi educativi, poi, erano stati parzialmente trasformati in forma anonima e, in parte, l´amministrazione aveva provveduto alla restituzione dei documenti agli interessati ed alla comunicazione ai soggetti a cui i dati erano stati trasmessi di alcune modifiche intervenute).

  • Garante 31 luglio 2002, in Bollettino n. 30, pag. 40 [doc. web n.  1065835]