Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Servizio sanitario delle Ferrovie dello Stato

Voce: Soggetti pubblici > Settori di attività > Sanità > Casi particolari > Servizio sanitario delle Ferrovie dello Stato

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1508416
Data:
01/01/04
Tipologia:
Massimario

"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività" - Collana Contributi

"Massimario 2002" - Collana Contributi

"Massimario 2003" - Collana Contributi

Massime tratte dai volumi:
"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività"
 | "Massimario 2002" |
"Massimario 2003"
di Fabrizia Garri*, Luigi Pecora, Giuseppe Staglianò
cura editoriale di Maurizio Leante
* co-autore volumi 2002 e 2003

La pubblicazione parziale o integrale delle massime, in qualsiasi formato, è autorizzata a condizione che venga citata la fonte in maniera evidente e contestuale

| Indice generale 1997 - 2003 |


SOGGETTI PUBBLICI > Settori di attività > Sanità > Casi particolari > Servizio sanitario delle Ferrovie dello Stato

Ai sensi dell´art. 22 della legge n. 675/1996, il trattamento dei dati sensibili da parte di privati o di enti pubblici economici può avvenire soltanto con il consenso scritto e l´autorizzazione del Garante (art. 22, comma 1), mentre qualora ad effettuare detto trattamento siano dei soggetti pubblici è sufficiente l´esistenza di una puntuale disposizione di legge che specifichi i dati che possono essere trattati, le operazioni eseguibili e le rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite (art. 22, comma 3); ne consegue che le Ferrovie dello Stato s.p.a., quale soggetto privato, ai fini del trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute rilevabili da parte del servizio sanitario interno, sono tenute ad acquisire - previa informativa ai sensi dell´art. 10 della legge - il consenso scritto di ciascun interessato (sia esso un dipendente della società oppure un terzo) e la preventiva autorizzazione del Garante (ove il trattamento non rientri nelle ipotesi già considerate dalle autorizzazioni generali per il trattamento dei dati sensibili nei rapporti di lavoro e per il trattamento dei dati idonei a rivelare lo stato di salute).

  • Garante 29 maggio 1998, in Bollettino n. 4, pag. 23 [doc. web n. 39260]