Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

In genere

"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività" - Collana Contributi

"Massimario 2002" - Collana Contributi

"Massimario 2003" - Collana Contributi

Massime tratte dai volumi:
"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività"
 | "Massimario 2002" |
"Massimario 2003"
di Fabrizia Garri*, Luigi Pecora, Giuseppe Staglianò
cura editoriale di Maurizio Leante
* co-autore volumi 2002 e 2003

La pubblicazione parziale o integrale delle massime, in qualsiasi formato, è autorizzata a condizione che venga citata la fonte in maniera evidente e contestuale

| Indice generale 1997 - 2003 |


PRESUPPOSTI E MODALITÀ DEL TRATTAMENTO > Informativa > Esonero > In genere

L´informativa di cui all´art. 10 della legge n. 675/1996 costituisce un adempimento, posto a carico di soggetti, sia pubblici sia privati, che il titolare del trattamento deve di regola porre in essere anche quando la raccolta dei dati sia prevista da una disposizione normativa. Soltanto nel caso in cui i dati siano acquisiti presso soggetti diversi da quelli a cui si riferiscono, l´informativa può non essere fornita ove i dati siano utilizzati in base ad un obbligo di legge o di regolamento (art. 10, commi 3 e 4 della legge n. 675/1996).

  • Garante 21 ottobre 1998, in Bollettino n. 6, pag. 61 [doc. web n. 41862]

 

Il titolare può essere esonerato dal Garante dal fornire l´informativa per i dati raccolti presso soggetti diversi dall´interessato (art. 10, comma 3 della legge n. 675/1996), quando la stessa comporta un impiego di mezzi che il Garante dichiari essere manifestamente sproporzionati rispetto al diritto dell´interessato di conoscere le principali caratteristiche del trattamento, ovvero quando l´informativa si rivela, a giudizio dell´Autorità, "impossibile" (art. 10, comma 4). I suddetti profili, per la cui dimostrazione spetta al titolare fornire specifiche motivazioni e concreti elementi di riscontro, debbono essere valutati in concreto, con particolare riferimento alla speciale natura delle finalità perseguite o dei dati trattati, alle complesse modalità di realizzazione dell´adempimento, all´ingente numero degli interessati, alle attività necessarie per rintracciarli, alla data di raccolta delle informazioni o alla particolare onerosità dei costi da sostenere.

  • Garante 26 novembre 1998, in Bollettino n. 6, pag. 81 [doc. web n. 39624]