Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Il Garante: no alla raccolta illecita di dati sanitari e no alle telecamere nelle toilette. Bloccato l'uso dei dati nel servizio delle ''Iene'' in...

[v. Provv.ti 19 ottobre 2006
14 dicembre 2006]


Il Garante: no alla raccolta illecita di dati sanitari e no alle telecamere nelle toilette. Bloccato l´uso dei dati nel servizio delle "Iene" in una discoteca

Raccolta illecita di dati personali anche di natura sanitaria e grave intrusione nell´intimità delle persone attraverso l´uso di telecamere poste nelle toilette. Con questa motivazione l´Autorità garante per la protezione di dati personali ha disposto il blocco dell´uso dei dati personali sulla base dei quali è stato realizzato il servizio riguardante il test sull´assunzione di droghe effettuato, all´insaputa degli interessati, nella toilette di una discoteca, mandato in onda nella puntata delle "Le Iene" del 10 ottobre.

Una volta visionato il servizio, l´Autorità ha rilevato che, come avvenuto per il test effettuato sui 50 parlamentari, è stato messo in atto un illecito trattamento di dati sanitari.

La raccolta dei dati è stata realizzata posizionando nei bagni di un locale notturno di Milano, all´insaputa dei frequentatori, piccole spugne che, una volta impregnate di urina, sono state sottoposte ad un test rivelatore dell´uso di stupefacenti, e riprendendo gli interessati nella toilette con una telecamera nascosta.

Si sono messi in tal modo in atto due gravi illeciti: la raccolta fraudolenta di dati sanitari e la violazione della sfera privata degli interessati, della loro dignità e del diritto al pudore, tenuto conto anche del luogo nel quale sono state effettuate le riprese.

L´Autorità ha osservato che le norme sulla privacy risultano violate a prescindere dalla circostanza che nella trasmissione televisiva siano state mandate in onda immagini di persone non identificabili perché parzialmente oscurate, in quanto la grave violazione dei diritti degli interessati si è concretizzata già al momento della raccolta dei dati e della successiva detenzione di filmati e risultati dei test relativi a persone individuabili.

Roma, 20 ottobre 2006