Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Allegati allo schema tipo di regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari dei comuni - Schede da n. 11 a n. 15 [1176180]

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1176180
Data:
19/09/05
Argomenti:
Dati giudiziari , Pubblica Amministrazione , Particolari categorie di dati , Enti locali

 

[doc. web n. 1176180]

Parere 21 settembre 2005
doc. web n. 1170239

Schema tipo di regolamento
doc. web n. 1174532

Schede 1-56-1016-2021-2526-3031-35

cfr. Provvedimento 30 giugno 2005
doc. web n. 1144445

Allegati allo schema tipo di regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari dei comuni - Schede da n. 11 a n. 15

 

Scheda n. 11


Denominazione del trattamento
Servizi sociali - Attività relativa all´assistenza scolastica ai portatori di handicap o con disagio psico-sociale

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
Codice civile (art. 403); d.P.R. 24.07.1977, n. 616; l. 5.02.1992, n. 104; l. 8.11.2000, n. 328

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Integrazione sociale ed istruzione del portatore di handicap (art. 86, comma 1, lett. c), d.lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Stato di salute: 

 |X| patologie attuali

 |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso  |X| relativi ai familiari dell´interessato
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003) |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|    presso gli interessati  |X|  presso terzi 
  Elaborazione:  |X|    in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "standard" quali la conservazione, la cancellazione, la registrazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X|  comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa):

a) circoscrizioni, istituti scolastici, enti convenzionati (per l´erogazione dei servizi)

b) centro servizi regionali (per lo scambio delle informazioni a fini di monitoraggio e rendicontazione)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono forniti dall´interessato o da terzi (ASL, Scuole dell´infanzia e Istituti di istruzione). Le informazioni necessarie sono comunicate agli enti convenzionati che effettuano l´intervento ed agli istituti scolastici, nonché alle regioni a fini di rendicontazione e monitoraggio dell´attività; sono, inoltre, comunicati alla ASL competente per il riconoscimento del grado di invalidità.

 

Scheda n. 12


Denominazione del trattamento
Servizi sociali - Attività relativa alle richieste di ricovero o inserimento in Istituti, Case di cura, Case di riposo, ecc.

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
Codice civile (art. 403); d.P.R. 24.07.1977, n. 616; l. 8.11.2000, n. 328; leggi regionali

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Interventi, anche di carattere sanitario, in favore di soggetti bisognosi o non autosufficienti o incapaci (art. 73, comma 1, d.lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine  |X| razziale  |X| etnica    
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| filosofiche,  |X| d´altro genere  
  Stato di salute:  |X| patologie attuali  |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso  |X| anamnesi familiare
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003)  |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|    presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|    in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "standard" quali la conservazione, la cancellazione, la registrazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| interconnessioni e raffronti; comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Interconnessione e raffronti di dati:

|X| con altri soggetti pubblici o privati (specificare quali ed indicare la base normativa):  amministrazioni certificanti ai sensi del d.P.R. n. 445/2000

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa):

a) Autorità giudiziaria (per avviare le procedure di ricovero relative ai soggetti interdetti o inabilitati);

b) ASL ed Aziende ospedaliere, (per trasmettere le informazioni, di carattere sanitario, relative all´interessato);

c) gestori delle case di riposo, alla direzione delle strutture residenziali (per l´ erogazione del servizio)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono forniti da terzi (medico di base, ASL, Polizia municipale e Forze di polizia, Autorità giudiziaria) o dall´interessato, che presenta un´apposita istanza, o d´ufficio (dalle ASL e/o Aziende ospedaliere per valutare lo stato di non autosufficienza psico-fisica e per reperire le informazioni, di carattere sanitario,  relative all´interessato), attraverso l´operato degli assistenti sociali: la domanda deve essere corredata della documentazione (anche sanitaria) necessaria. I dati possono essere comunicati alle ASL competenti e all´Autorità giudiziaria, al fine di avviare le procedure necessarie per il ricovero del soggetto interdetto o inabilitato presso gli istituti di cura. I dati vengono altresì comunicati ai gestori delle case di riposo ed alla direzione delle strutture residenziali, al fine di garantire l´erogazione del servizio in favore del soggetto ricoverato. Vengono effettuate interconnessioni e raffronti con amministrazioni e gestori di pubblici servizi: tale tipo di operazioni sono finalizzate esclusivamente all´accertamento d´ufficio di stati, qualità e fatti ovvero al controllo sulle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000.

 

Scheda n. 13


Denominazione del trattamento
Servizi sociali - Attività ricreative per la promozione del benessere della persona e della comunità, per il sostegno dei progetti di vita delle persone e delle famiglie e per la rimozione del disagio sociale

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
L. 8.11.2000, n. 328; l. 6.03.1998, n. 40; leggi regionali e Piano triennale servizi sociali regionali


Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Attività ricreative per la promozione del benessere della persona e della comunità, per il sostegno dei progetti di vita delle persone e delle famiglie e per la rimozione del disagio sociale; promozione della cultura e dello sport; iniziative di vigilanza e di sostegno in riferimento al soggiorno dei nomadi (art. 73, comma 1, lett. f) del d.lg. n. 169/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine  |X| razziale  |X| etnica  
  Convinzioni  |X| religiose    
  Stato di salute:  |X| patologie attuali  |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003)  |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X| presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X| in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "standard" quali la conservazione, la cancellazione, la registrazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare):  |X| comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): enti, imprese o associazioni convenzionati, cooperative sociali, associazioni ed  organismi di volontariato, ASL, aziende di trasporto comunale e altri servizi comunali (per l´erogazione dei servizi previsti)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono forniti dall´interessato, che presenta un´apposita istanza per la fruizione dei servizi corredata della necessaria documentazione sanitaria. Questi vengono comunicati all´Ente, alle imprese ovvero alle associazioni convenzionate, alle cooperative sociali, agli organismi di volontariato ed alle ASL che provvedono all´erogazione del servizio. Per quanto concerne le attività in favore dei nomadi, i dati vengono forniti direttamente dall´interessato o segnalati dalla Questura; le informazioni necessarie vengono comunicate alle associazioni del terzo settore che effettuano gli interventi.

 

Scheda n. 14


Denominazione del trattamento
Servizi sociali - Attività relativa alla valutazione dei requisiti necessari per la concessione di contributi, ricoveri in istituti convenzionati o soggiorno estivo (per soggetti audiolesi, non vedenti, pluriminorati o gravi disabili o con disagi psico-sociali)

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
L. 5.12.1992, n. 104; d.lg. 31.03.1998, n. 112 e relative disposizioni di attuazione; d.lg. 18.08.2000, n. 267; leggi regionali


Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Attività socio-assistenziali (art. 73 del d. lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine   |X| razziale  |X| etnica    
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| filosofiche    
  Stato di salute:  |X| patologie attuali   |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso  |X| anamnesi familiare
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003)  |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|    presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:   |X|    in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "standard" quali la conservazione, la cancellazione, la registrazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): interconnessioni e raffronti, comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Interconnessione e raffronti di dati:

|X| con altri soggetti pubblici o privati (specificare quali ed indicare la base normativa): amministrazioni certificanti ai sensi del d.P.R. n. 445/2000

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): all´istituto che fornisce la prestazione (ai sensi della l. n. 328/2000)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono forniti dall´interessato, previa presentazione dell´istanza per accedere al contributo e/o al ricovero, ovvero da terzi (ASL o tutore, per predisporre una relazione di valutazione dello stato di non autosufficienza psico-fisica relativa all´interessato). Le informazioni sulla salute sono comunicate unicamente all´istituto che presso il quale viene effettuato il ricovero, in particolare viene comunicata l´ammissione del beneficiario, il grado di invalidità e le particolari patologie dell´interessato, al fine di garantire un´assistenza mirata. Le eventuali convinzioni religiose e filosofiche possono invece rilevare ai fini dell´erogazione di particolari regimi alimentari. Vengono effettuate interconnessioni e raffronti con amministrazioni e gestori di pubblici servizi: tale tipo di operazioni sono finalizzate esclusivamente all´accertamento d´ufficio di stati, qualità e fatti ovvero al controllo sulle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000.

 

Scheda n. 15


Denominazione del trattamento
Servizi sociali - Attività relativa all´integrazione sociale ed all´istruzione del portatore di handicap e di altri soggetti che versano in condizioni di disagio sociale (centro diurno, centro socio educativo, ludoteca, ecc.)

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
L. 28.08.1997, n. 285; l. 8.11.2000, n. 328; l. 5.02.1992, n. 104; leggi regionali

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Interventi di sostegno psico-sociale e di formazione in favore di giovani o altri soggetti che versano in condizioni di disagio sociale, economico o familiare (art. 73, comma 1, lett. a), d. lg. n. 196/2003); integrazione sociale e istruzione del portatore di handicap (art. 86, comma 1, lett. c), d. lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine

 |X| razziale   |X| etnica   
  Stato di salute:   |X| patologie attuali   |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)


Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|   presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|   in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni pertinenti e non eccedenti rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "standard" quali la conservazione, la cancellazione, la registrazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| interconnessioni e raffronti; comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Interconnessione e raffronti di dati:
             |X| con altri soggetti pubblici o privati (specificare quali ed indicare la base normativa): amministrazioni certificanti ai sensi del d.P.R. n. 445/2000

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): enti, imprese o associazioni in convenzione, istituti scolastici (per attuare le misure necessarie a garantire l´inserimento del soggetto bisognoso e l´erogazione del servizio)


Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono forniti dall´interessato, che presenta un´apposita istanza per la fruizione dei servizi, corredata della necessaria documentazione anche sanitaria. Le informazioni vengono quindi comunicate all´ente, all´ impresa o all´associazione che provvede all´erogazione del servizio, nonché agli istituti scolastici per l´integrazione social, l´istruzione e l´erogazione del servizio in favore del soggetto portatore di handicap. Vengono effettuate interconnessioni e raffronti con amministrazioni e gestori di pubblici servizi: tale tipo di operazioni sono finalizzate esclusivamente all´accertamento d´ufficio di stati, qualità e fatti ovvero al controllo sulle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000.