Diritti interna

Diritti - Come tutelare i tuoi dati

Doveri interna

Doveri - Come trattare correttamente i dati

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Allegati allo schema tipo di regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari delle province- Schede da n. 1 a n. 5 [1175693]

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1175693
Data:
19/09/05
Argomenti:
Dati giudiziari , Particolari categorie di dati , Pubblica Amministrazione , Enti locali

 

[doc. web n. 1175693]

Parere 7 settembre 2005
doc. web n. 1174562

Schema tipo di regolamento
doc. web n. 1175684

Schede 6-1011-15

cfr. Provvedimento 30 giugno 2005
doc. web n. 1144445

 

Allegati allo schema tipo di regolamento per il trattamento dei dati sensibili e giudiziari delle province- Schede da n. 1 a n. 5

 

Scheda n. 1


Denominazione del trattamento
Gestione del rapporto di lavoro del personale impiegato a vario titolo presso la Provincia, enti, istituzioni ed aziende collegate

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
Codice Civile (artt. 2094-2134); l. 20.05.1970, n. 300 "Norme sulla tutela della libertà e dignità dei lavoratori, della libertà sindacale e dell´attività sindacale nei luoghi di lavoro e norme sul collocamento"; d.lg. 30.03.2001, n. 165 "Norme generali sull´ordinamento del lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche"; CCNL; Contratto collettivo decentrato di ogni singolo ente; legge 12.03.1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"; d.P.R. 29.10.2001, n. 461 "Regolamento recante semplificazione dei procedimenti per il riconoscimento della dipendenza delle infermità da causa di servizio, per la concessione della pensione privilegiata ordinaria e dell´equo indennizzo, nonché per il funzionamento e la composizione del comitato per le pensioni privilegiate ordinarie"; d.lg. 18.08.2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull´ordinamento degli enti locali"; legge 08.03.2000, n. 53 "Disposizioni per il sostegno della maternità e della paternità, per il diritto alla cura e alla formazione e per il coordinamento dei tempi delle città"; d.P.R. 20.10.1998, n. 428 "Regolamento recante norme per la gestione del protocollo informatico da parte delle amministrazioni pubbliche"; d.lg. 19.09.1994, n. 626 "Attuazione della direttiva 89/391/CEE, della direttiva 89/654/CEE, della direttiva 89/655/CEE, della direttiva 89/656/CEE, della direttiva 90/269/CEE, della direttiva 90/270/CEE, della direttiva 90/394/CEE, della direttiva 90/679/CEE, della direttiva 93/88/CEE, della direttiva 95/63/CE, della direttiva 97/42/CE, della direttiva 98/24/CE, della direttiva 99/38/CE e della direttiva 99/92/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro"; l. 07.02.1990, n. 19 "Modifiche in tema di circostanze, sospensione condizionale della pena e destituzione dei pubblici dipendenti"; d.lg. 26.03.2001, n. 151 "Testo unico in materia di tutela e sostegno della maternità e paternità a norma dell´art. 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53"; l. 05.02.1987, n. 49 "Nuova disciplina della cooperazione dell´Italia con i Paesi in via di sviluppo"; l. 5.2.1992, n. 104 "Legge-quadro per l´assistenza, l´integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate"; d.lg. 30.07.1999, n. 286 "Riordino e potenziamento dei meccanismi e strumenti di monitoraggio e valutazione dei costi, dei rendimenti e dei risultati dell´attività svolta dalle amministrazioni pubbliche, a norma dell´articolo 11 della L. 15 marzo 1997, n. 59"; l. 14.02.2003, n. 30 "Delega al Governo in materia di occupazione e mercato del lavoro"; l. 11.05.2004, n. 126 "Conversione in legge, con modificazioni, del D.L. 16 marzo 2004, n. 66, recante interventi urgenti per i pubblici dipendenti sospesi o dimessisi dall´impiego a causa di procedimento penale, successivamente conclusosi con proscioglimento"; legge 24.12.1986, n. 958 "Norme sul servizio militare di leva e sulla ferma di leva prolungata"; l. 06.03.2001, n. 64 "Istituzione del servizio civile nazionale"; d.P.R. 28.12.2000, n. 445 "Testo unico delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa"; d.P.R. 30.06.1965, n. 1124, "Testo unico delle disposizioni per l´assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali legge regionale"; regolamento provinciale in materia di organizzazione e personale

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Instaurazione e gestione dei rapporti di lavoro dipendente di qualunque tipo, dipendente o autonomo, anche non retribuito o onorario o a tempo parziale o temporaneo, e di altre forme di impiego che non comportano la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato (art. 112, d.lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine   |X| razziale   |X| etnica    
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| filosofiche,  |X| d´altro genere  
  Convinzioni  |X| politiche,  |X| sindacali    
  Stato di salute  |X| patologie attuali,  |X| patologie pregresse,  |X| terapie in corso,  |X| dati sulla salute relativi ai familiari del dipendente
  Vita sessuale  |X| (soltanto in caso di eventuale rettificazione di attribuzione di sesso)
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003)  |X| 

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|  presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|  in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni indispensabili rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "ordinarie" quali la registrazione, la conservazione, la cancellazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| interconnessioni e raffronti, comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Interconnessioni e raffronti di dati:

|X| con altri trattamenti o banche dati dello stesso ente (specificare quali ed indicarne i motivi): Uffici personale e ragioneria (per l´erogazione del trattamento stipendiale); centri per l´impiego (per reclutamento del personale)

|X| con altri soggetti pubblici o privati (specificare quali ed indicare la base normativa):  amministrazioni certificanti ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): |X|

a) organizzazioni sindacali (per computare i permessi nonché le trattenute sindacali relativamente ai dipendenti che hanno rilasciato delega);

b) enti assistenziali, previdenziali, assicurativi (Inail) ed autorità locali di pubblica sicurezza per rilevazione di eventuali patologie o di infortuni sul lavoro a fini previdenziali;

c) Presidenza del Consiglio dei Ministri, Dipartimento funzione pubblica (per la rilevazione annuale dei permessi per cariche sindacali e funzioni pubbliche elettive);

d) Ministero dell´Economia e Finanze nel caso in cui l´ente svolga funzioni di Centro Assistenza Fiscale;

e) uffici competenti per il collocamento mirato e l´attivazione del diritto al lavoro dei soggetti disabili (l. n. 68/1999);

f) strutture sanitarie competenti per le visite fiscali (art. 5 l. n. 300/1970 e CCNL);

g) enti di appartenenza dei lavoratori comandati in entrata (al fine di gestire la procedura di mobilità);

h) Ministero economia e finanze nel caso in cui l´ente svolga funzioni di centro assistenza fiscale (ai sensi dell´art. 17 del d.m. 31.05.1999, n. 164 e nel rispetto dell´art. 12 bis del d.P.R. 29.09.1973, n. 600)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
Il trattamento concerne tutti i dati relativi all´instaurazione ed alla gestione del rapporto di lavoro, a qualunque titolo (compreso quelli a tempo determinato, part-time e di consulenza, nell´ente ovvero in aziende ed istituzioni ad esso collegate) a partire dai procedimenti concorsuali o altre procedure di selezione. Le informazioni sulla vita sessuale possono desumersi unicamente in caso di rettificazione di attribuzione di sesso. I dati sono oggetto di trattamento presso le competenti strutture della Provincia per quanto riguarda la gestione dell´orario di servizio, le certificazioni di malattie ed altri giustificativi delle assenze; vengono inoltre effettuati trattamenti a fini statistici e di controllo di gestione. I dati sulle convinzioni religiose possono rendersi necessari per la concessione di permessi per festività la cui fruizione è connessa all´appartenenza a determinate confessioni religiose; quelli sulle opinioni filosofiche o d´altro genere possono venire in evidenza dalla documentazione connessa allo svolgimento del servizio di leva come obiettore di coscienza, nonché tutti i dati relativi alla selezione ed all´impiego dei volontari del servizio civile. I dati pervengono su iniziativa dei dipendenti e/o su comunicazione di terzi (Autorità giudiziaria, ASL, medico competente per accertamenti di cui al d.lg. 626/94, Istituti di previdenza e assicurativi, istituti scolastici di vario ordine e grado), anche previa richiesta da parte della Provincia. Possono essere raccolti anche dati sulla salute relativi ai familiari del dipendente nei soli casi previsti dalla legge per la concessioni dei benefici previsti. I dati sono conservati sia in forma cartacea che informatizzata e vengono trattati ai fini dell´applicazione dei vari istituti contrattuali di legge (gestione giuridica, economica, previdenziale, pensionistica; attività di aggiornamento e formazione). Vengono effettuate interconnessioni e raffronti con amministrazioni e gestori di pubblici servizi: tale tipo di operazioni è finalizzato esclusivamente all´accertamento d´ufficio di stati, qualità e fatti ovvero al controllo sulle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000.

 

Scheda n. 2


Denominazione del trattamento
Gestione del rapporto di lavoro del personale impiegato a vario titolo presso la Provincia - attività relativa al riconoscimento di benefici connessi all´invalidità civile, all´invalidità derivante da cause di servizio e benefici derivanti dal riconoscimento di inabilità a svolgere l´attività lavorativa


Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
L. 24.05.1970, n. 336 "Norme a favore dei dipendenti civili dello Stato ed Enti pubblici ex combattenti ed assimilati"; l. 12.03.1999, n. 68 "Norme per il diritto al lavoro dei disabili"; l. 05.02.1992, n. 104 "Legge-quadro per l´assistenza, l´integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate"; d.P.R. 29.10.2001, n. 461 "Regolamento recante semplificazione dei procedimenti per il riconoscimento della dipendenza delle infermità da causa di servizio, per la concessione della pensione privilegiata ordinaria e dell´equo indennizzo, nonché per il funzionamento e la composizione del comitato per le pensioni privilegiate ordinarie"; d.lg. 19.09.1994, n. 626 "Attuazione della direttiva 89/391/CEE, della direttiva 89/654/CEE, della direttiva 89/655/CEE, della direttiva 89/656/CEE, della direttiva 90/269/CEE, della direttiva 90/270/CEE, della direttiva 90/394/CEE, della direttiva 90/679/CEE, della direttiva 93/88/CEE, della direttiva 95/63/CE, della direttiva 97/42/CE, della direttiva 98/24/CE, della direttiva 99/38/CE e della direttiva 99/92/CE riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro"; l. 08.08.1995, n. 335 "Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare"; d.P.R. 30.06.1965, n. 1124 "Testo unico delle disposizioni per l´assicurazione obbligatoria contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali", legge 23.12.2000, n. 388 "Legge finanziaria 2001"; legge regionale; regolamento provinciale in materia di organizzazione e personale

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Concessione, liquidazione, modifica e revoca di benefici economici, agevolazioni, elargizioni, altri emolumenti (art. 68, d.lg. n. 196/2003)


Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Stato di salute: 

 |X| patologie attuali  |X| patologie pregresse |X| terapie in corso

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:   |X|  presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:   |X|  in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni indispensabili rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "ordinarie" quali la registrazione, la conservazione, la cancellazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| interconnessioni e raffronti, comunicazioni (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

Interconnessioni e raffronti di dati:

|X| con altri soggetti pubblici o privati (specificare quali ed indicare la base normativa): amministrazioni certificanti ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): |X|

a) INAIL (per verificare la liquidazione in caso di equo indennizzo ai sensi del d.P.R. n. 1124/1965);

b) comitato di verifica per le cause di servizio e commissione medica territorialmente competente (per conseguire il parere definitivo di riconoscimento della causa di servizio ai sensi del d.P.R. n. 461/2001);

c) Inpdap (in caso di inabilità assoluta e permanente a qualsiasi attività lavorativa ai fini dell´erogazione del relativo trattamento di pensione e del riconoscimento del diritto alla pensione privilegiata ai sensi della legge n. 335/1995 e della legge n. 152/1968)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati sullo stato di salute vengono acquisiti a seguito della richiesta presentata dall´interessato e da terzi (in particolare dalla Commissione medico ospedaliera territorialmente competente per l´accertamento delle condizioni di inidoneità al servizio, nonché dal  Comitato di verifica per le cause di servizio in caso di equo indennizzo). In caso di invalidità assoluta e permanente, l´interessato viene collocato in pensione e la relativa pratica, contenente dati sulla salute, viene trasmessa all´Inpdap. Vengono effettuate interconnessioni e raffronti con amministrazioni e gestori di pubblici servizi: tale tipo di operazioni è finalizzato esclusivamente all´accertamento d´ufficio di stati, qualità e fatti ovvero al controllo sulle dichiarazioni sostitutive ai sensi dell´art. 43 del d.P.R. n. 445/2000. Il verbale dell´organo di consulenza medico-legale viene quindi trasmesso al comitato di verifica delle cause di servizio che esprime un parere definitivo sulla dipendenza dell´infermità o lesione da causa di servizio. Il riconoscimento di invalidità contratta per causa di servizio ha valore di accertamento definitivo per le richieste di equo indennizzo e di pensione privilegiata. In caso di richiesta di pensione privilegiata, i dati vengono trasmessi all´Inpdap per l´erogazione del trattamento pensionistico. Uguale trasmissione si ha nell´ipotesi di richiesta di riconoscimento alla contribuzione figurativa di cui all´art. 80, l. n. 388/2000.

Scheda n. 3


Denominazione del trattamento 
Gestione dei dati relativi agli organi istituzionali dell´ente, dei difensori civici, nonché dei rappresentanti dell´ente presso enti, aziende e istituzioni

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
D.lg. 18.08.2000, n. 267 "Testo unico delle leggi sull´ordinamento degli enti locali" (artt. 55 e ss.); l. 08.03.1951,  n. 122, "Norme per l´elezione dei Consigli provinciali";  l. 25.03.1993, n. 81, "Elezione diretta del sindaco, del presidente della provincia, del consiglio comunale e del consiglio provinciale"; l. 30.04.1999, n. 120 "Disposizioni in materia di elezioni degli enti locali, nonché disposizioni sugli adempimenti in materia elettorale"; l. 05.07.1982, n. 441, "Disposizioni per la pubblicità della situazione patrimoniale di titolari di cariche elettive e di cariche direttive di alcuni enti";  l. 19.03.1990 n. 55 (art. 15), "Nuove disposizioni per la prevenzione della delinquenza di tipo mafioso e di altre gravi forme di manifestazione di pericolosità sociale"; Regolamento provinciale

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Applicazione della disciplina in materia di elettorato attivo e passivo, esercizio del mandato degli organi rappresentativi e di affidamento di incarichi di rappresentanza in enti, aziende e istituzioni (art. 65, comma 1, lett. a), 2, lett. c) ed e)), nonché accertamento dei requisiti di onorabilità e di professionalità per le nomine a cariche direttive di persone giuridiche (art. 69 d.lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine  |X| razziale  |X| etnica 
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| d´altro genere 
  Convinzioni  |X| politiche,  |X| sindacali
  Stato di salute  |X| patologie attuali  |X| terapie in corso
  Vita sessuale  |X| (soltanto in caso di eventuale rettificazione di attribuzione di sesso) 
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003)  |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|  presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|  in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni indispensabili rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "ordinarie" quali la registrazione, la conservazione, la cancellazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| interconnessioni e raffronti, comunicazione, diffusione (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Interconnessioni e raffronti di dati:

|X| con altri trattamenti o banche dati dello stesso ente (specificare quali ed indicarne i motivi): Uffici personale e ragioneria per l´erogazione degli emolumenti.

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): |X| Ministero dell´Economia e Finanze per dichiarazione dei redditi nel caso in cui l´ente svolga la funzione di  Centro Assistenza Fiscale  e al Ministero dell´Interno per l´anagrafe degli amministratori locali (ex art. 76 d.lg. n. 267/2000)

 Diffusione (specificare l´ambito ed indicare l´eventuale base normativa): |X| pubblicazione all´albo pretorio delle decisioni in materia di candidabilità (d.lg. n. 267/2000); anagrafe degli amministratori locali (d.lg. n. 267/2000);

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
Al fine di valutare eventuali cause ostative alla candidatura dei singoli soggetti, così come per la pronuncia di decadenza di diritto (preventiva o successiva) dall´incarico, vengono acquisiti i dati giudiziari dalla Procura della Repubblica, dall´Ufficio elettorale centrale presso il Tribunale, dalla Prefettura e dal Ministero dell´Interno. Le decisioni in  materia di candidabilità, contenenti in particolare la sigla politica di appartenenza dell´interessato, vengono pubblicate all´albo pretorio. Oltre alle informazioni di carattere politico, sindacale, religioso  e di altro genere, la Presidenza della Provincia tratta i dati sanitari degli organi istituzionali al fine di verificare la loro partecipazione alle attività dell´ente; le informazioni sulla vita sessuale possono desumersi unicamente in caso di rettificazione di attribuzione di sesso. I dati vengono diffusi nei casi previsti dalla normativa in vigore (pubblicazione all´albo pretorio delle decisioni in materia di candidabilità ai sensi d.lg. n. 267/2000; pubblicità dell´anagrafe degli amministratori locali ai sensi del citato d.lg. n. 267/2000). Con riferimento alla nomina del difensore civico, la valutazione del dato politico e giudiziario, in relazione alla presentazione dei curricula, avviene sia a livello politico (da parte dei gruppi consiliari e dei relativi uffici di supporto), sia a livello amministrativo (da parte degli organi della provincia, deputati all´istruttoria e alla verifica dei requisiti soggettivi e oggettivi).  Il trattamento è altresì finalizzato all´accertamento dei requisiti di professionalità ed onorabilità dei candidati alle nomine presso enti, aziende e istituzioni.


Scheda n. 4


Denominazione del trattamento 
Attività politica, di indirizzo e di controllo, sindacato ispettivo e documentazione dell´attività istituzionale degli organi provinciali

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
D.lg. 18/08/2000, n. 267, "Testo unico delle leggi sull´ordinamento degli enti locali";  statuto e regolamento provinciale

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Attività di controllo, di indirizzo politico e di sindacato ispettivo e documentazione dell´attività istituzionale di organi pubblici (artt. 65, comma 1, lett. b) e 4, e 67, comma 1, lett. b), d.lg. n. 196/2003)


Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine  |X| razziale  |X| etnica    
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| filosofiche,  |X| d´altro genere   
  Convinzioni  |X| politiche,  |X| sindacali    
  Stato di salute  |X| patologie attuali  |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso  |X| anamnesi familiare
  Vita sessuale  |X|      
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003) |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|  presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|  in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni indispensabili rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "ordinarie" quali la registrazione, la conservazione, la cancellazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| comunicazione e diffusione (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): |X| amministrazioni interessate o coinvolte nelle questioni oggetto dell´attività politica, di controllo e di sindacato ispettivo

 Diffusione (specificare l´ambito ed indicare l´eventuale base normativa): |X| limitatamente ai dati indispensabili ad assicurare la pubblicità dei lavori dei consigli provinciali, delle commissioni e degli altri organi provinciali ( d.lg. n. 267/2000)

 

Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
Nell´ambito delle proprie prerogative, i consiglieri provinciali possono formulare atti sia di indirizzo politico (quali mozioni, ordini del giorno e risoluzioni), sia di sindacato ispettivo (presentando interrogazioni ed interpellanze alla Giunta provinciale), secondo le modalità stabilite dallo Statuto provinciale e dal regolamento interno del Consiglio provinciale. Le predette attività possono comportare il trattamento di dati sensibili e giudiziari riguardanti le persone oggetto di mozioni, ordini del giorno, risoluzioni, interrogazioni o interpellanze.
Queste informazioni, eccetto quelle  idonee a rivelare lo stato di salute, possono inoltre essere diffuse ai sensi  del d.lg. n. 267/200 in ottemperanza al regime di pubblicità degli atti e delle sedute dei consigli provinciali, delle commissioni e degli altri organi provinciali (art. 65, comma 5, d.lg. n. 196/2003).

Scheda n. 5


Denominazione del trattamento
Attività del difensore civico provinciale

Fonte normativa (indicare, se possibile, le fonti normative sull´attività istituzionale cui il trattamento è collegato)
L. 05.02.1992, n. 104 "Legge-quadro per l´assistenza, l´integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate"; l. 15.05.1997, n. 127, "Misure urgenti per lo snellimento dell´attività amministrativa e dei procedimenti di decisione e di controllo"; d.lg. 18.08.2000, n. 267, "Testo unico delle leggi sull´ordinamento degli enti locali";  legge regionale; statuto e regolamento provinciale

Rilevanti finalità di interesse pubblico perseguite dal trattamento
Attività dei difensori civici locali (art. 73, comma 2, lett. l), d.lg. n. 196/2003)

Tipi di dati trattati (barrare le caselle corrispondenti)

  Origine  |X| razziale  |X| etnica    
  Convinzioni  |X| religiose,  |X| filosofiche,  |X| d´altro genere  
  Convinzioni  |X| politiche,  |X| sindacali    
  Stato di salute  |X| patologie attuali  |X| patologie pregresse  |X| terapie in corso  |X| anamnesi familiare
  Vita sessuale  |X|      
  Dati di carattere giudiziario  (art. 4, comma 1, lett. e), d.lg. n. 196/2003) |X|

 

Operazioni eseguite (barrare le caselle corrispondenti)

Trattamento "ordinario" dei dati

  Raccolta:  |X|  presso gli interessati  |X|  presso terzi
  Elaborazione:  |X|  in forma cartacea  |X|  con modalità informatizzate

  Altre operazioni indispensabili rispetto alla finalità del trattamento e diverse da quelle "ordinarie" quali la registrazione, la conservazione, la cancellazione o il blocco nei casi previsti dalla legge (specificare): |X| comunicazione (come di seguito individuate)

Particolari forme di elaborazione

 Comunicazione ai seguenti soggetti per le seguenti finalità (specificare ed indicare l´eventuale base normativa): |X| pubbliche amministrazioni, enti e soggetti privati, gestori o concessionari di pubblico servizio interessati o coinvolti nell´attività istruttoria (l. n. 104/1992; l. n. 127/1997; d.lg. n. 267/2000)


Sintetica descrizione del trattamento e del flusso informativo
I dati vengono raccolti, sia dall´interessato, sia da terzi, al fine di attivare interventi di difesa civica a seguito di istanza dei cittadini o di propria iniziativa, in riferimento a provvedimenti, atti, fatti, omissioni, ritardi o irregolarità compiuti da uffici e servizi dell´amministrazione provinciale. I dati utilizzati possono essere comunicati a pubbliche amministrazioni, enti e soggetti privati, gestori o concessionari di pubblico servizio interessati o coinvolti nell´attività istruttoria.