Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Qualifiche lavorative

"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività" - Collana Contributi

"Massimario 2002" - Collana Contributi

"Massimario 2003" - Collana Contributi

Massime tratte dai volumi:
"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività"
 | "Massimario 2002" |
"Massimario 2003"
di Fabrizia Garri*, Luigi Pecora, Giuseppe Staglianò
cura editoriale di Maurizio Leante
* co-autore volumi 2002 e 2003

La pubblicazione parziale o integrale delle massime, in qualsiasi formato, è autorizzata a condizione che venga citata la fonte in maniera evidente e contestuale

| Indice generale 1997 - 2003 |


SOGGETTI PUBBLICI > Settori di attività > Lavoro e previdenza > Casi particolari > Qualifiche lavorative

Con l´istanza di cui all´art. 13 della legge n. 675/1996 non possono essere formulate richieste di rettifica di dati personali (in particolare, qualifiche lavorative) che costituiscono espressione del livello di inquadramento mansionistico e retributivo del dipendente in azienda, ove sussista controversia tra il datore/titolare dei dati e il lavoratore/interessato in ordine alla corretta individuazione di detto inquadramento sulla base delle mansioni svolte dal dipendente e della disciplina dettata dalla contrattazione collettiva. Rimane impregiudicata la facoltà del lavoratore di far valere i propri diritti avanti all´a.g.o..

  • Garante 11 settembre 2001, in Bollettino n. 22, pag. 46 [doc. web n. 42336]


Va respinta la domanda con la quale il dipendente chiede la rettifica, nel curriculum vitae e in altri atti detenuti dal datore di lavoro, dei dati relativi alla qualifica professionale attribuitagli. Detta rettifica, infatti, può conseguire solo ad una prova sostanziale dell´effettiva e legittima attribuibilità della qualifica rivendicata (ad esempio, una decisione del datore di lavoro che ne attribuisca la titolarità ovvero provvedimenti giurisdizionali che la affermino). Resta in ogni caso impregiudicato il diritto del lavoratore di far valere in altra sede la pretesa al riconoscimento della diversa qualifica.

  • Garante 9 gennaio 2003 [doc. web n. 1067817]


Rientra tra i diritti esercitabili con il ricorso al Garante la richiesta di un lavoratore di conoscere le informazioni relative all´individuazione delle mansioni cui è adibito (nella specie, il datore di lavoro ha inviato al dipendente anche copia di un documento, definito "job description", nel quale vengono descritte, in termini generali, le attività relative al profilo professionale di appartenenza del ricorrente).

  • Garante 29 ottobre 2003 [doc. web n. 1053781]