Diritti interna

Doveri interna

Search Form Portlet

ricerca avanzata

g-docweb-display Portlet

Informazioni cifrate

Voce: Categorie e requisiti dei dati personali > Dato personale > Nozione > Informazioni cifrate

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
1044193
Data:
01/01/04
Tipologia:
Massimario

"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività" - Collana Contributi

"Massimario 2002" - Collana Contributi

"Massimario 2003" - Collana Contributi

Massime tratte dai volumi:
"Massimario 1997 - 2001. I principi affermati dal Garante nei primi cinque anni di attività"
 | "Massimario 2002" |
"Massimario 2003"
di Fabrizia Garri*, Luigi Pecora, Giuseppe Staglianò
cura editoriale di Maurizio Leante
(* co-autore volumi 2002 e 2003)

La pubblicazione parziale o integrale delle massime, in qualsiasi formato, è autorizzata a condizione che venga citata la fonte in maniera evidente e contestuale

| Indice generale 1997 - 2003 |

CATEGORIE E REQUISITI DEI DATI PERSONALI > Dato personale > Nozione > Informazioni cifrate

Le informazioni personali detenute in modo cifrato o, comunque, in forma non immediatamente leggibile da parte dell´incaricato del trattamento, purché ricollegabili ad una determinata persona identificata o identificabile, costituiscono "dati personali" ai sensi dell´art. 1, comma 2, lett. c), della legge n. 675/1996; ne consegue che, a seguito di rituale richiesta d´accesso, il titolare del trattamento deve provvedere alla loro "messa in chiaro" al fine di consentirne un´agevole comprensione da parte dell´interessato.

  • Garante 21 novembre 2001, in Bollettino n. 23, pag. 69, [doc. web n. 39773]


Le informazioni riportate in forma di codice o di punteggio negli archivi informatici e/o cartacei gestiti da un promotore di un progetto di intermediazione istituzionale tra domanda ed offerta di lavoro sono dati personali del soggetto iscritto nell´archivio in questione. Ne consegue che nel corrispondere ad una domanda di accesso, il titolare del trattamento è tenuto a rendere comprensibili tutti i dati chiarendo quindi anche il significato dei codici o dei punteggi assegnati (nella specie la Provincia di Genova, in qualità di promotrice di un progetto di intermediazione istituzionale di lavoro, aveva in gestione un archivio informatico contenente, oltre ai dati riferiti al percorso di studio ed alla carriera dell´iscritto, anche codici e punteggi dei quali, tuttavia, non era esplicitato il significato).

  • Garante 5 giugno 2003 [doc. web n. 1121322]