Salta al contenuto

DIRITTI E PREVENZIONE > COME TUTELARE LA TUA PRIVACY

ricerca avanzata

La privacy e le nuove sfide del digitale

Intervista ad Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali (di Eliana Quattrini, La Casana - n.1 2017)

SCHEDA
Garante per la protezione dei dati personali
Doc-Web:
6534823
Data:
23/06/17
Tipologia:
Interviste e interventi

La privacy e le nuove sfide del digitale
Intervista ad Antonello Soro, Presidente del Garante per la protezione dei dati personali
(di Eliana Quattrini, La Casana - n.1 2017)

Non  saremo  mai  più  soli. Non potremo più nasconderci. La tecnologia digitale ha cambiato la nostra vita. Serve a raccogliere informazioni, a risolvere problemi pratici, a favorire il progresso della scienza. Ma  concentra  moltissimi dati su di noi ed espone a furti di identità,  invasioni  fastidiose,  inopportune o addirittura  criminali. Come  ogni strumento va usato  in  modo consapevole, conoscendo  limiti  e  rischi  di  un  sistema che contrappone sicurezza e  privacy.  Per orientarci nel mondo incorporeo e potente del  digitale, abbiamo rivolto  alcune domande ad Antonello Soro, Presidente dell'Autorità garante per la protezione  dei  dati  personali.

La legge sulla privacy compie vent'anni: è ancora attuale e in che modo eventualmente andrebbe aggiornata?

È  stata sicuramente  una  disciplina  di  primissimo  rilievo,  che  ha  segnato  un  vero  cambiamento  culturale  e  sociale  e  in  venti  anni  ha  fatto  fare  al  Paese  grandi  passi  avanti  nella  tutela  della  riservatezza,  della  libertà  e  della  dignità  delle  persone. All'inizio  la  "privacy",  termine  ormai  decisamente   riduttivo,   veniva   percepita   come   un  bene  riservato ai personaggi  noti: oggi la tutela  dei  dati  personali  è  considerata  per  quello  che  veramente è:  un  diritto  fondamentale  della  persona,  da  rispettare  in  ospedale,  sul  posto  di  lavoro, sul web. Soprattutto per tutelare i soggettipiù  vulnerabili  e  pertanto  maggiormente  esposti  al  rischio  di  discriminazioni.  La  necessità  di  un  tagliando è però evidente. Lo sviluppo impetuosodella tecnologia, il moltiplicarsi delle grandi banche dati,  l'imporsi  sul  mercato  dei  colossi  della  rete  e  dei  social  media,  la  condivisione  permanente  delle  vite  on  line  richiedono  inevitabilmente  un  aggiornamento  delle  forme  di  tutela.  Il  nuovo Regolamento  europeo,  che  sarà  applicato  dal  maggio 2018, risponde a questa nuova sfida.

Quali sono le principali differenze tra il nuovo Regolamento europeo e le norme vigenti in Italia?

Il nuovo Regolamento introduce una disciplina in materia di protezione dati uniforme e valida in tutta Europa. Stabilisce nuovi diritti - come il diritto all'oblio e alla portabilità dei dati - e introduce anche criteri che da una parte responsabilizzano maggiormente imprese ed enti e dall'altra, apportano notevoli semplificazioni e sgravi dagli adempimenti per chi rispetta le regole. La giurisdizione europea si applicherà anche a colossi della rete come Facebook e Google, così gli utenti che usufruiscono dei loro servizi saranno più tutelati.

Cos'è il diritto alla portabilità dei dati?

È un diritto innovativo previsto dal Regolamento europeo che permette a una persona di prendere e trasferire da un'azienda ad un'altra o da un web provider ad un altro tutti i dati trattati con il consenso di quella persona o sulla base di un contratto. È un diritto tipicamente digitale perché non riguarda gli archivi cartacei.

I dispositivi elettronici registrano e diffondono le informazioni più disparate, per esempio la nostra posizione in tempo reale. Ma quando usiamo una app o scriviamo su Facebook stiamo informando solo gli amici o anche i malintenzionati?

In rete possiamo trovare di tutto: gli amici, i conoscenti, ma anche persone poco raccomandabili, perfino gli hacker. Dovremmo tenerlo ben presente, quando, con tanta facilità, mettiamo on line la nostra vita. Pensiamo di condividere le nostre esperienze con un gruppo ristretto di "amici" e, invece, potenzialmente, stiamo comunicando con un popolo di sconosciuti. La geolocalizzazione, associata ad altre informazioni come genere, orari, abitudini di vita può creare un mix pericoloso, e consentire di disegnare profili appetibili non solo per le aziende ma anche purtroppo per stalker e malintenzionati in genere. Finora, se non volevamo essere geolocalizzati dovevamo disattivare questa funzione. Con le nuove norme europee sulla pro tezione dei dati, che saranno applicate dal prossimo anno, le società che progettano questi sistemi avranno un obbligo ancora più cogente di attenersi al principio "privacy by default". Allora il criterio sarà inverso: la funzione non si potrà attivare automaticamente, ma solo su nostra richiesta.

Come vanno usati i social network per non incorrere in illeciti e rispettare gli altri?

In rete dobbiamo attenerci agli stessi parametri, etici e giuridici, cui ci atteniamo nella vita off-line: sottovalutare l'impatto delle parole sul web può renderci responsabili anche di gravi reati. Il cyberbullo, chi fa ricorso all'hate speech o esprime intolleranza verso una persona dovrebbe saperlo, e regolarsi di conseguenza.

Come difendersi dal cyberbullismo?

Il cyberbullismo è un fenomeno molto grave che espone le vittime ad una violenza dalla quale è sempre più difficile difendersi. Gli effetti delle vessazioni sono pervasivi, perdurano nel tempo e condizionano la vita di questi ragazzi costringendoli a cambiare abitudini di vita, scuola, e nei casi più gravi, come purtroppo è capitato, indurli al suicidio. Occorre in primo luogo consapevolezza. Il bullo "armato" di smartphone deve sapere che con il suo comportamento può anche commettere dei reati, la vittima non deve sentirsi in colpa e deve, anche attraverso i genitori o i professori, avere il coraggio di denunciare quanto sta accadendo.

Ha proposto l'inserimento dell'educazione civica alla società digitale fra le materie scolastiche. Ma spesso gli adulti non hanno sufficienti competenze per educare i giovani in questo campo. Come affrontare il vuoto culturale?

Bisogna promuovere una alfabetizzazione digitale rivolta non solo ai giovani, ma anche agli adulti, organizzando corsi, incontri, realizzando pubblicazioni e video divulgativi, promuovendo anche serial tv. È necessario che tutti gli attori coinvolti - scuole, istituzioni, associazioni di genitori – uniscano gli sforzi. Spesso capita che siano i figli ad insegnare ai genitori l'uso dei dispositivi elettronici, ma i ragazzi non sono quasi mai consapevoli delle insidie presenti on line, di valutare le conseguenze di un post pubblicato per irridere o cedere i propri dati personali senza pensarci troppo. Sapere come funziona il web, come operano i colossi della rete, a chi sto consegnando il mio io digitale è un pa-trimonio informativo che tutti dovrebbero acquisire prima di iniziare a utilizzare uno smartphone.

Con l'affermazione del digitale è sempre più diffusa la dematerializzazione dei documenti, per esempio bollette ed estratti conto inviati all'utente su supporto elettronico e non più cartaceo. In questo passaggio i dati personali quali rischi corrono?

Il Garante per la protezione dei dati è impegnato da sempre nella messa in sicurezza dei dati, dei canali di comunicazione e dei sistemi sui quali sono trasmessi e conservati. Abbiamo fatto grandi passi avanti nella tutela delle informazioni personali detenute dagli istituti bancari, dal servizio sanitario, dal fisco e in generale da tutti i soggetti pubblici e privati. La dematerializzazione dei documenti e la possibilità di accesso ai servizi on line rappresenta un importante vantaggio per imprese e pubblica amministrazione. Soprattutto per i cittadini che da casa possono compiere operazioni che un tempo richiedevano invece un notevole dispendio di tempo e di energie. Ma è necessario che i dati siano rigorosamente protetti per evitare che siano usati in modo improprio, persi o distrutti.

Big data e privacy dei dati sulla salute sono conciliabili?

I big data sono una vera e propria riserva energetica. Dicono tutto di noi, come consumatori, come elettori, come opinione pubblica. Chi li possiede ed è in grado di interpretarli ha in mano un potere immenso. Saprà indirizzare il messaggio più convincente al target che vuole raggiungere. In tutti i campi. I big data sulla salute sono ancora più appetibili. Sapere, in base alla medicina predittiva, se un lavoratore si ammalerà, e quando, può essere di indubbio interesse, sia per un datore di lavoro sia per una compagnia di assicurazioni. Per questo il Garante ha lavorato e sta lavorando molto perché ai dati sanitari sia garantita la massima sicurezza e protezione. Abbiamo dettato norme specifiche per la circolazione e la conoscibilità di informazioni tanto delicate e disciplinato il dossier e il fascicolo sanitario elettronico. Inoltre, siamo già intervenuti più volte, e in modo molto deciso, sia nei confronti di Regioni sia di Comuni che avevano operato in modo illecito, ad esempio pubblicando sul proprio sito istituzionale dati così riservati. Stiamo affrontando anche un fenomeno nuovo: sempre più spesso molte persone affidano al web, attraverso le app che monitorano le condizioni di salute, le proprie informazioni sanitarie, incuranti e spesso inconsapevoli dei rischi che ciò può comportare.

Esiste l'anonimato in rete?

Bisogna sfatare un mito: l'anonimato in rete non esiste. Il percorso potrà essere complicato, potrà servire del tempo, potrà essere necessaria la cooperazione giudiziaria internazionale, ma alla fine si arriva sempre ad un nome e un cognome.

I debitori colpevoli hanno il diritto alla tutela della privacy? Se ne è parlato nel caso di fallimenti bancari importanti per evitare i quali veniva ipotizzato l'intervento dello Stato. Che differenza va fatta fra persone giuridiche e persone fisiche?

Va anzitutto precisato che la maggior parte dei debitori, in quanto persone giuridiche, dal 2011 è sottratta alla tutela accordata dal Codice privacy. Diverso è il caso se a ricevere i prestiti siano state persone fisiche. In proposito la legge - in primo luogo quella sul segreto bancario - tutela la legittima aspettativa di riservatezza, che ciascuno deve poter avere nel momento in cui richiede ed ottiene un prestito.

In conclusione, quali strumenti ha il cittadino per difendersi dall'uso illecito dei dati personali?

Il cittadino può presentare un ricorso o una segnalazione al Garante o adire l'autorità giudiziaria. Comunque un maggiore livello di consapevolezza può aiutare a difendersi: meno dati si mettono on line, più alto è il loro livello di protezione e minori sono i rischi. Con il nuovo Regolamento europeo poi, è importante ricordarlo, non solo i fornitori di servizi di telecomunicazioni e comunicazioni elettroniche, ma anche pubbliche amministrazioni, aziende, strutture sanitarie pubbliche e private, istituti bancari, avranno l'obbligo di comunicare al Garante privacy la perdita o la distruzione di dati personali che possono verificarsi a seguito di attacchi informatici, accessi abusivi, incidenti. La mancata comunicazione comporta pesanti sanzioni pecuniarie.