Salta al contenuto

DIRITTI E PREVENZIONE > COME TUTELARE LA TUA PRIVACY

ricerca avanzata

Paghiamo i social con i nostri dati

Paghiamo i social con i nostri dati
Antonello Soro, presidente dell'Autorità garante per la protezione dei dati personali: "La rete non deve essere il luogo dell'oblio dei diritti".

Dopo il boom di Twitter in Borsa, il Time ha messo sul suo sito un calcolatore che permette di verificare quanto valiamo in denaro per Twitter. Una provocazione per sottolineare che i nostri dati hanno un valore e sono sfruttati a fini commerciali. Una consapevolezza che potrebbe cambiare il nostro atteggiamento nei confronti dei social network?

Dobbiamo essere consapevoli che gli operatori della rete privilegiano la loro funzione di imprenditori privati che hanno interesse all'utile dell'impresa. Nel trattamento dei dati personali, che vengono raccolti, l'obiettivo principale è quello di accentuare la capacità di "profilazione" e più dati noi consegniamo alla rete più gli operatori sono capaci di accumulare ricchezza. In questa logica il rovescio della medaglia sono i cittadini che usano uno spazio di comunicazione straordinariamente importante, una finestra senza eguali per accedere alla conoscenza, ma non hanno la capacità di essere informati: un po' per propria responsabilità, un po' per quella degli operatori, che non hanno alcun interesse a dare un'informativa realmente compiuta. In questo sbilancio di mezzi, il cittadino è la parte debole di fronte agli imprenditori che offrono servizi di internet provider. Dentro questo schema c'è il problema specifico dei social network, dell'ingenuità con cui si accede alla rete da parte di molti, adulti e giovani. Di recente, abbiamo sollecitato una ricerca del Censis, che ha messo in evidenza come gli italiani abbiano un grado di consapevolezza del rischio implicito nell'uso della rete tra i più alti d'Europa, ma che diventa tra i più bassi quando si tratta dell'atteggiamento di responsabilità che ne dovrebbe conseguire. In altri Paesi, quando si avverte un qualche rischio, si è anche capaci di prendere qualche iniziativa individuale. Negli italiani intervistati c'è l'atteggiamento di dire "ci pensino le istituzioni". In questa logica le istituzioni, la nostra, ma tutte le autorità che hanno una responsabilità su questo terreno, devono fare molto di più, cercando di spingere anche i singoli individui a coltivare la responsabilità nell'uso della rete.

Cosa può fare il garante se i social violano la nostra privacy?

Gli operatori principali della rete hanno sede negli Stati Uniti e lì non sono riconosciute le leggi e i regolamenti europei. In caso di disputa legale o di problemi insorti per violazione della privacy, non sempre si è tutelati dalle leggi italiane ed europee. Un nuovo regolamento all'esame del Parlamento europeo e in via di approvazione, spero a breve, prevede un cambiamento di rotta su questo terreno, riconoscendo la titolarità delle autorità europee quando gli internauti sono europei. Questo ribalterebbe uno dei problemi con cui ci siamo scontrati finora. Detto questo, ci sono già state scelte da parte della giurisprudenza europea che hanno cominciato ad anticipare un nuovo corso da questo punto di vista; c'è un'attività dei garanti: lavoriamo insieme alle altre autorità europee e ci confrontiamo con Google e Facebook. Una cosa è certa: non si può negare nella rete l'esistenza dei diritti.
 

Cosa ne pensa della decisione di Facebook di aprire al pubblico i profili dei minori dai 13 ai 17 anni?

L'ultima decisione di Facebook è la manifestazione più esplicita di un atteggiamento che già era presente, perché finora c'è stata una discreta superficialità da parte degli organizzatori della rete nei confronti dei minori che creano profili finti con un'anagrafe diversa. Il vero problema è generale, di educazione digitale che compete ai governi, che nasce dalla prima età della vita e che deve essere una missione in cui si impegnano tutti gli esecutivi. Noi stiamo spingendo molto perché il governo governo italiano investa di più in protezione dati.