Salta al contenuto

DIRITTI E PREVENZIONE > COME TUTELARE LA TUA PRIVACY

ricerca avanzata

Indice generale - Relazione 1997 - 30 aprile 1998

Indice Relazione 1997

Prefazione

1. La tutela dei dati personali: una novita nella legislazione italiana

1.1. Le linee-guida delle leggi 31 dicembre 1996, n. 675 e n. 676

1.1.1. Premessa
1.1.2. Nuove forme di tutela dei diritti della personalità
1.1.3. La protezione multiforme dei dati personali
1.1.4. Le scelte del legislatore e il margine di manovra comunitario

1.2. I diritti dell'interessato: riflessi in tema di tutela sostanziale e procedimentale

1.2.1. I diritti garantiti dall'art. 13 della legge
1.2.2. L'accesso al registro dei trattamenti
1.2.3. Le richieste rivolte al titolare e al responsabile del trattamento
1.2.4. Altre prerogative previste dalla legge n. 675 a tutela della riservatezza e bilanciamento con altri interessi

1.3. I nuovi strumenti di tutela

1.3.1. Tre sedi di tutela del diritto alla riservatezza

2. L'evoluzione della disciplina sulla riservatezza

2.1. Le semplificazioni apportate dal legislatore in un quadro di rafforzate garanzie

2.1.1. Gli obblighi di informativa
2.1.2. I termini per il rilascio delle autorizzazioni e per le notificazioni
2.1.3. Esenzioni e semplificazioni delle notificazioni
2.1.4. Estensione della disciplina applicabile ai giornalisti

2.2. Le iniziative in corso

2.2.1. L'individuazione delle misure minime di sicurezza
2.2.2. Attività parlamentari

2.3. Le semplificazioni apportate dal Garante

2.3.1. La predisposizione dei modelli per le notificazioni e le richieste di autorizzazione
2.3.2. Le autorizzazioni "generali" al trattamento dei dati sensibili

3. Il Garante per la protezione dei dati personali

3.1. L'elezione e l'insediamento del collegio
3.2. L'indipendenza dell'organo nel quadro costituzionale
3.3. Compiti e poteri del Garante
3.4. La consultazione da parte del Governo
3.5. L'Ufficio del Garante

3.5.1. Costituzione dell'Ufficio
3.5.2. Il regolamento sull'organizzazione e il funzionamento
3.5.3. Attività di informazione e di relazione con il pubblico
3.5.4. Le iniziative intraprese per il futuro assetto

4. Temi di maggior rilievo nell'attività del Garante

4.1. Premessa
4.2. Giornalismo e attività di informazione
4.3. Trasparenza dell'attività amministrativa
4.4. Consenso e correttezza nella raccolta delle informazioni
4.5. Salute
4.6. Lavoro
4.7. Ricerca scientifica e statistica
4.8. Telefonia e servizi di telecomunicazione
4.9. Rete unitaria della pubblica amministrazione
4.10. Consiglio Superiore della Magistratura
4.11. Legislazione sociale
4.12. Pubbliche amministrazioni
4.13. Investigazione privata
4.14. Liberi professionisti
4.15. Associazioni e partiti politici
4.16. Ricerche di mercato
4.17. Video-sorveglianza
4.18. Accesso ai centri storici
4.19. Trasferimento di dati all'estero
4.20. Raccolta di firme per iniziative referendarie
4.21. Accertamenti e ispezioni
4.22. Schengen: archivi N.SIS e S.I.RE.N.E
4.23. Trattamenti effettuati dal C.e.d. del Dipartimento della pubblica sicurezza
4.24. Accertamenti presso servizi di informazione e di sicurezza

5. Attività comunitaria e internazionale

5.1. Premessa
5.2. La direttiva-quadro n. 95/46/CE
5.3. La direttiva n. 97/66/CE sulla tutela della vita privata nel settore delle telecomunicazioni
5.4. La cooperazione europea nei settori giustizia e affari interni

5.4.1. Schengen
5.4.2. Europol
5.4.3. Sistema Informativo Doganale
5.4.4. Eurodac

5.5. Consiglio d'Europa
5.6. OCSE
5.7. Collaborazione con altre autorità di garanzia
5.8. Convegni e incontri internazionali